Beppe MarianoNativo di Savigliano (CN), vive ai piedi del Monviso, la grande montagna delle Alpi Cozie. Negli anni settanta è stato cofondatore e redattore della rivista letteraria “Pianura”, diretta da Sebastiano Vassalli, e, successivamente, della rivista fiorentina di poesia “Salvo imprevisti”.

 

Apprezzato dal critico Albino Galvano, ha esposto in varie città italiane opere di poesia visiva. Mariano èanche scrittore di teatro. Dopo aver svolto per un ventennio attività di cronaca teatrale per i quotidiani “La Gazzetta del Popolo” e “Stampa Sera”, ha scritto alcuni testi, poi rappresentati; è stato anche direttore artistico del Teatro Toselli di Cuneo. Dal 2003 è co-direttore della rivista milanese di narrativa e critica “Il cavallo di Cavalcanti”.

 

Tra le sue opere si segnalano: Notizie dalla Castiglia (Siena 1986), Ascolto dell’erba (Cuneo 1990), Scenari di congedo (Torino 1996), Il sorriso e le lune del Monviso (Novi Ligure 2000), Il passo della salita (Novara 2007). Hanno scritto le prefazioni alle sue opere Giorgio Bárberi Squarotti, Mauro Ferrari, Giovanna Ioli, Barbara Lanati, Giorgio Luzzi, Sebastiano Vassalli.

E’ stato incluso nell’antologia Almanacco del Mitomodernismo (Alassio 2002) curata da Giuseppe Conte, Tomaso Kemeny e Stefano Zecchi e in Sotto la superficie. Letture di poeti italiani contemporanei (1970-2004), a cura di Gabriella Fantato (Milano 2004). Nel 2003 ha pubblicato il racconto lungo Rossosangue 68. Tra i premi ricevuti si ricorda il “Cesare Pavese-Grinzane Cavourâ” nel 1997 per Scenari di congedo.

Ti potrebbe piacere: