top-gallery-5.jpg
You are here: Home Pensieri e pensatori GIULIO GIORELLO - La sfida della complessità

GIULIO GIORELLO - La sfida della complessità

Giulio GiorelloScrive Geymonat nel 1988 "Distruggere false conoscenze è la premessa per poterne costruire di nuove. In genere i residui delle conoscenze vecchie e superate sono quelli che ci rallentano nella scoperta di nuovi campi del sapere. Così avvenne con Copernico e Galileo  che hanno dovuto distruggere il  sistema tolemaico per poter costruire un nuovo sistema . Di mio resto impegnato  distruggere l'idea di verità  assoluta , per lasciare il campo alle verità  relative".

De Finetti nel 1931 afferma: "La scienza intesa come scopritrice di verità  assolute rimane disoccupata per mancanza di verità assolute. Tuttavia questo non porta a distruggere la scienza , porta soltanto ad una diversa concezione della scienza. Se cade infranto il freddo idolo marmoreo di una scienza perfetta, eterna e universale, ecco in sua vece al nostro fianco una creatura viva , la scienza che il nostro pensiero liberamente crea, creatura viva compagna nella lotta e guida alla conquista".

Dunque, precisa Giorello, "l'atteggiamento fallibilistico, probabilistico, non è la banale stupidaggine per cui tutto è relativo, tutto è falso, non possiamo conoscere niente, perchè in quel caso avremmo almeno una verità  assoluta , cioè il fatto che non possiamo conoscere niente. L'atteggiamento relativistico è invece un atteggiamento pragmatico, che ci dice di non smettere di lavorare anche se qualcuno ci dice che quella è una verità  assoluta e continuare a considerare le nostre come verità  relative  sempre modificabili e approfondibili".

Scarica l'intera relazione:

icon GIULIO GIORELLO - La sfida della complessità  (498.23 kB)

Nota bio-bibliografica.

Allievo di Ludovico Geymonat, come lui laureato in filosofia e matematica, Giulio Giorello  è titolare della cattedra di Filosofia della Scianza all'Università  di Milano. Tra le sue numerose pubblicazioni : Il pensiero matematico e l'infinito (Milano, 1982), Le ragioni della scienza (con Ludovico Geymonat, Bari, 1986), La filosofia della scienza (con D. Gillies, Bari, 1998), Lo specchio del reame (con R.Esposito e C. Sini, Ravenna, 1997), Prometeo, Ulisse, Gilgames. Figure del mito (Milano, 2004), Di nessuna chiesa (Milano, 2005), La scienza tra le nuvole (con P.Gaspa, Milano, 2007).

 

CONTATTI

PENSIERI IN PIAZZA

Via Brignone n. 9, Pinerolo C.A.P. 10064
tel. e fax 0121-378859
cell. 3343010497/3406533960
E-mail: pensierinpiazza@yahoo.it

PAOLO PERTICARI - L'educazione impensabile
Parlerò dell'educativo. Non tanto l'educazione im...
STEFANO CATUCCI - Del possibile, altrimenti soffoco...
E' a partire da Foucault che si sviluppa l'analisi...
MARCELLO CINI - La scienza nell'era dell'economia della conoscenza
... c'è sempre questa soggettività, non dello sc...
GIULIO GIORELLO - La sfida della complessità
Scrive Geymonat nel 1988 "Distruggere false conosc...
ROBERTO ARPAIA - La sfida della complessità
Limite:  nell'ambito della conoscenza scientifica...
MARIA LUISA BOCCIA - Potere di generare in tempi di eclissi della madre
Noi veniamo al mondo grazie alla relazione con un ...
ANNA MARIA ROLLIER - Bioetica: prospettive a confronto
L'umanità  di un essere umano non sta tanto nel ...
MAURIZIO   MORI - Bioetica: prospettive a confronto
Ho riportato ampi passi dell'Istruzione Donum Vita...
PAOLO MIRABELLA - Bioetica: prospettive a confronto
Ogni scienziato nello svolgimento della sua rice...
ALDO BONOMI - Economia, società , moltitudini
Aldo Bonomi. E' direttore dell'Istituto di ricerca...

NEWSLETTER

Iscrizione

NEWS

News

JA Content Slide Error: There is not any content in this category